Notai

Estremi cronologici: 1401-1914

Consistenza: 23151 voll. e filze contenuti in bb.

Versamenti dell'Archivio Notarile ditrettuale di Benevento del 9 dicembre 1954, 10 ottobre 1960, 12 marzo 1969 e 20 novembre 2001, 22 novembre 2013 e 29 marzo 2016.

Versamento del soppresso Archivio notarile mandamentale di Castelfranco in Miscano (2 voll.) del 6 giugno 1966.

I Notai

Signa tabellionatus di Girolamo FiorenzaL’istituzione dell’archivio notarile in Benevento può essere fatta risalire al 1587, anno in cui Goffredo Lomellino, commissario generale della Camera apostolica, detta le norme per la formazione dell’archivio delle scritture pubbliche redatte dai notai defunti, scritture fino ad allora conservate presso altri notai o presso gli eredi.




I protocolli dei notai defunti si concentrano così progressivamente nell’archivio comunale per poi confluire unitamente a quelli degli altri comuni provenienti dalle province di Principato Ultra, Terra di lavoro, Capitanata e Molise, nell’archivio notarile istituito il 20 giugno 1861 e ospitato prima nel collegio dei padri scolopi e poi nel palazzo di proprietà della famiglia Pacca.

Signa tabellionatus di Agostino FiorenzaIl versamento degli atti notarili agli archivi di Stato, previsto come possibilità dal r.d. 10 settembre 1914 e sancito come norma dalla legge 22 dicembre 1939 n. 2006, trova applicazione per Benevento solo nel 1954, quando viene istituita la Sezione di archivio di Stato, che ha la sua prima sede nello stesso palazzo Pacca che ha fino ad allora ospitato l’archivio notarile.

L’art. 41 del codice dei beni culturali e del paesaggio, riprendendo i termini fissati dalla legge 17 maggio 1952 n. 629, stabilisce l’obbligo per gli archivi notarili di versare agli archivi di Stato gli atti notarili ricevuti dai notai che cessarono l’esercizio professio-nale anteriormente all’ultimo centennio.

Oggi l’Archivio di Stato di Benevento conserva un complesso documentario che va dal 1401 al 1910, per un totale di più di ventimila volumi.

Come mezzo di corredo è disponibile un elenco ordinato cronologicamente delle schede notarili, corredato da indici onomastico e per piazza.

Al fine di potersi orientare in una documentazione di grande ricchezza e complessità, che copre cinque secoli di vita cittadina, ma che ha bisogno di punti di accesso da cui iniziare a navigare attraverso i rimandi che gli atti notarili contengono, sono stati compilati dei repertori e tra questi un’utilità particolare dimostra la schedatura - integrata dalla riproduzione digitale - dei disegni contenuti nei protocolli dei notai beneventani tra XVII e XIX secolo.

Strumenti di ricerca

Notai indice per piazza

Pagine correlate

Pergamene

Iconografia sacra nei protocolli notarili

Sub auspiciis Gallicae Reipublicae. Il 1799 negli atti dei notai di Benevento e della sua attuale provincia

Il futuro della memoria. Storia, segni e disegni della città di Benevento tra XVII e XVIII secolo. Le contrade.

Il futuro della memoria. Storia, segni e disegni della città di Benevento tra XVII e XIX secolo. Il centro urbano.

Link correlati

monasterium.net/mom/IT-ASBN/archive





Notai 2Signa tabellionatus di una famiglia di notai beneventaniASBN, Notai, n. 12375 — Prospetto di palazzo Capilongo e tratto orientale delle muraASBN, Notai, n. 4937 — Pianta della chiesa e del convento di S. Maria del CarmineASBN, Notai, n. 2892 - Apposizione dei termini di confine tra Pago e il feudo di TerraloggiaNotai 5